Firma elettronica: apertura alle persone giuridiche

Dal 1° gennaio 2017, il campo d’applicazione della firma elettronica è più vasto e quest’ultima non si limita più a sostituire la firma autografa. Le basi legali permettono oramai alle persone giuridiche quali imprese o amministrazioni di utilizzare certificati digitali rilasciati dai prestatori riconosciuti.

Jean-Maurice Geiser e Christian Jenni, Servizi di telecomunicazione e posta

Le nuove disposizioni che regolamentano la firma elettronica sono entrate in vigore il 1° gennaio 2017. Fino a questa data la firma elettronica qualificata era riservata alle persone fisiche: ora l’introduzione del sigillo elettronico regolamentato permette anche alle persone giuridiche e alle autorità di garantire la provenienza e l’integrità dei loro documenti digitali. Le imprese possono ricorrere a questo mezzo, ad esempio per firmare le loro fatture elettroniche e dimostrarne l’autenticità all’amministrazione dell’IVA. Inoltre, se la legge o un’ordinanza lo prevedono, le autorità possono servirsi della firma elettronica regolamentata per autenticare le loro decisioni amministrative o i testi pubblicati in Internet, si pensi a quelli della Raccolta ufficiale delle leggi federali (RU) e del Foglio federale (FF), firmati dalla Cancelleria federale, o del Foglio ufficiale svizzero di commercio (FUSC), autenticati dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO).

(continua – fonte)