Dopo il ciberattacco, lo scorporo e l’ulteriore sviluppo della RUAG procedono secondo i piani

Berna, 24.02.2020 – Nella sua seduta del 19 febbraio 2020 il Consiglio federale ha preso posizione sul secondo rapporto della Commissione della gestione del Consiglio nazionale (CdG-N) concernente la gestione del ciberattacco contro la RUAG. Le raccomandazioni sono già attuate. In particolare, importanti misure precauzionali proteggono le interfacce informatiche tra la MRO Svizzera e l’Amministrazione federale. Inoltre il Consiglio federale impiega in modo adeguato gli strumenti di gestione delle imprese parastatali.

Nel suo rapporto del 19 novembre 2019, la CdG-N ha constatato con soddisfazione che il Consiglio federale ha attuato le sue raccomandazioni e ha adottato importanti decisioni in merito allo scorporo dell’informatica e all’ulteriore sviluppo della RUAG. Nel suo parere il Consiglio federale conferma che lo scorporo della RUAG procede secondo i piani. Dal 1° gennaio 2020 le divisioni della RUAG che lavorano principalmente per l’Esercito svizzero sono state separate organizzativamente dalle altre divisioni che operano sul libero mercato. Lo scorporo sul piano giuridico e finanziario e lo scorporo dell’informatica saranno portati a termine nell’estate 2020. Il consiglio d’amministrazione della neocostituita holding mantello «BGRB Holding», responsabile della realizzazione degli obiettivi strategici definiti dal Consiglio federale, ha iniziato la propria attività.

Minimizzare i rischi mediante lo scorporo dell’informatica

Come afferma il Consiglio federale nel suo parere, nell’ambito dello scorporo dell’informatica e dell’integrazione dei dati della MRO Svizzera sono state adottate importanti misure precauzionali nel perimetro di sicurezza della Base d’aiuto alla condotta (BAC). Tutte le interfacce occorrenti per l’attività vengono delimitate mediante firewall e controlli degli accessi. …

(Continua – Fonte)