CH – Protezione dei dati 2019

Berna, 28.01.2019 – In occasione di un incontro con i media, le autorità per la protezione dei dati di Confederazione e Cantoni hanno affrontato i temi delle loro sfide comuni riguardanti le elezioni, la polizia e il numero AVS. In vista delle elezioni del Consiglio nazionale del prossimo autunno hanno pubblicato delle linee guida; inoltre il 1° marzo entrerà in vigore la nuova legge sulla protezione dei dati in ambito Schengen, legge ai più poco nota. Mediante una modifica di legge, poi, in futuro tutte le autorità dovranno potere utilizzare sistematicamente il numero AVS.

Il 2019 è anno di elezioni. Nella realtà digitale, le elezioni per il rinnovo dei parlamenti di Confederazione e Cantoni, che si terranno nei Cantoni, saranno caratterizzate da fenomeni di elaborazione dei dati in continua evoluzione che si ripercuoteranno anche sul comportamento dei votanti. Con le loro linee guida del 1° dicembre 2018 le autorità per la protezione dei dati di Confederazione e Cantoni intendono contribuire alla libera formazione della volontà e all’espressione fedele del voto, garantite dalla Costituzione federale….

 

(fonte – continua)


Strategia di e-government Svizzera 2020–2023

CF – Il Consiglio federale approva i punti fondamentali della Strategia di e-government Svizzera 2020–2023
Berna, 14.11.2018 – In occasione della seduta del 14 novembre 2018 il Consiglio federale ha approvato i punti fondamentali della Strategia di e-government Svizzera 2020–2023 elaborati dall’organizzazione interfederale «e-government Svizzera». Adottando il principio del «digital first», il Governo sottolinea l’importanza dei canali elettronici. È infatti prevalentemente tramite essi che, in futuro, l’Amministrazione federale dovrà fornire servizi e informazioni.

Il Consiglio federale

(fonte – continua)


Costituzione di un gruppo di lavoro dedicato alla tecnologia blockchain e alle ICOs

Berna, 18.01.2018 – La Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI) ha costituito un gruppo di lavoro dedicato alla tecnologia blockchain e alle ICOs. In collaborazione con l’Ufficio federale di giustizia (UFG), con l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) e in stretta consultazione con gli operatori del settore, il gruppo di lavoro esaminerà le condizioni quadro giuridiche ed evidenzierà eventuali necessità di intervento.

Nella sua risposta del 15 novembre 2017 alla mozione Béglé il Consiglio federale aveva annunciato che la SFI prevedeva di introdurre un simile gruppo di lavoro. Una decisione determinata dal fatto che con la tecnologia blockchain si presentano questioni giuridiche di fondo attinenti sia al diritto in materia di mercati finanziari che ad atti normativi di portata più generale (Diritto delle obbligazioni, Codice civile ecc.). Il gruppo di lavoro valuterà le condizioni quadro giuridiche delle applicazioni della tecnologia blockchain specifiche al settore finanziario, dedicando particolare attenzione alle «Initial Coin Offerings» (ICOs). Identificherà inoltre una potenziale necessità di intervento e mostrerà possibili misure. I lavori si svolgeranno in seno a un gruppo direttivo composto dal segretario di Stato della SFI, Jörg Gasser (direzione), dal direttore dell’UFG, Martin Dumermuth, e dal direttore della FINMA, Mark Branson. Il gruppo direttivo lavorerà in stretto contatto con gli operatori del settore interessato.

L’obiettivo dei lavori è aumentare la certezza del diritto, salvaguardare l’integrità della piazza finanziaria e garantire una regolamentazione neutrale nel campo tecnologico. La precisazione del quadro normativo dovrà contribuire a mantenere l’attrattiva della Svizzera in questo settore

 

Fonte


Conferenza dell’ONU sulla digitalizzazione

Ginevra: la presidente della Confederazione Doris Leuthard apre la Conferenza dell’ONU sulla digitalizzazione

Biel/Bienne, 18.12.2017 – Oggi a Ginevra la presidente della Confederazione Doris Leuthard ha aperto il 12° Internet Governance Forum delle Nazioni Unite. Durante questa settimana all’insegna del motto “Shape Your Digital Future!” l’IGF è consacrato alle sfide della digitalizzazione che oggigiorno pervade e cambia profondamente la nostra vita sociale, politica ed economica. Quest’anno la Svizzera è il Paese che ospita l’IGF, che durerà fino al 21 dicembre.

Nell’ambito della cerimonia di apertura la presidente della Confederazione Doris Leuthard ha sottolineato che il dialogo tra tutti i gruppi d’interesse (inclusi il mondo politico, scientifico, economico, la società civile e la comunità di esperti in ambito tecnico) è indispensabile se si vuole materializzare la visione di una società dell’informazione in cui i vantaggi del futuro digitale sono accessibili a tutti. Sono i forum come l’Internet Governance Forum che offrono l’opportunità di acquisire nuove conoscenze e di iscrivere domande importanti all’ordine del giorno nel dibattito globale sulla digitalizzazione e di anticipare delle soluzioni. Soltanto stringendo alleanze che vanno oltre i confini nazionali e settoriali, si potranno sfruttare appieno le opportunità offerte dalla digitalizzazione. Inoltre ha evidenziato che l’Internet Governance Forum di quest’anno a Ginevra è un’occasione unica per approfittare del sapere specialistico e variegato presente sul posto e per superare le consuete barriere.

Gli obiettivi della Svizzera

Il 25 ottobre 2017 il Consiglio federale ha definito i punti chiave dell’impegno della Svizzera quale Paese che ospita l’IGF a Ginevra. (continua – fonte)